#M5S,dopo il liceo piemontese ora la propaganda si sposta alla Media di #LaSpezia.#Sapevatelo!

Ricordate le reazioni del M5S e di Grillo all’incontro del Presidente del Consiglio Renzi nelle scuole?

Ricordate l’incontro organizzato in un liceo piemontese dal professore attivista che aveva invitato nella sua classe  candidati alle regionali ed Europee del M5S in piena campagna elettorale?Ne scrivemmo qui.

Apprendo da un amico che a La Spezia in questi giorni si è svolto un altro incontro, questa volta in una scuola media però e non in un liceo.

Come si apprende da LaSpeziaoggi.it una rappresentanza dei consiglieri comunali 5 stelle si è recata stamattina alla scuola media ” M. Fontana per consegnare il premio di 1000 euro agli alunni delle classi 2A e 3A, vincitori della prima edizione del concorso “Vivere meglio in città“.

Il bando del concorso è stato finanziato da una quota pari al 20% degli emolumenti dei Consiglieri Comunali del M5S, che i medesimi si erano impegnati a donare alla scuola pubblica. Il residuo dei premi, non essendo stati assegnati tutti quelli in palio, servirà a finanziare o ulteriore edizione del premio o attività benefica affine.”

Sicuramente l’iniziativa finanziata dal 20% degli emolumenti dei Consiglieri 5 stelle è lodevole se non fosse per il fatto che l’incontro con i bambini alla fine si riveli pura e semplice propaganda.

Gli assegnoni vanno di moda nel M5S ed è per questo che la delegazione pentastellata si è presentata in aula con un mega assegno marchiato “Movimento 5 stelle” e non contenta ha riportato tutto su internet attraverso foto che ritraggono anche i minori.

LAspezia5stelle

 

E come spesso accade la pezza è peggio del buco quando si cerca di giustificare la cosa a chi critica

laspezia1

A chi chiede da quando le organizzazioni politiche possono entrare nelle scuole viene risposto che si trattava di

Associazione Amici di Beppe Grillo non organizzazioni politiche… Per precisare

(infatti sul mega assegno NON c’è scritto Movimento 5 stelle,vero?Ha ragione chi obbietta a sentirsi preso per i fondelli con una risposta simile.).

Ed interviene così anche la consigliera 5 stelle  Iannello Erica

laspezia2

Scusa Simona,se avessimo voluto fare propaganda avremo fatto la premiazione prima delle elezioni…abbiamo deciso di devolvere il 20% dei nostri gettoni percepiti in un anno..cosa ci sia da vergognarsi nn capisco…se,come abbiamo proposto in consiglio comunale tramite una mozione bocciata,avessero aderito tutte le parti politiche avremo potuto fare molto di più”

Alla consigliera sfugge probabilmente che la propaganda può essere fatta 365 giorni all’anno.

Inoltre il fatto che le altre parti politiche non abbiano aderito all’iniziativa non autorizza ad andare in una scuola media e presentarsi agli alunni in qualità non solo di consigliere ma di appartenente ad una forza politica.

Sarebbe bastato, come suggerito

“devolvere senza fare la passerella con il vostro simbolo politico davanti a ragazzini delle medie” .

E, niente di più vero,  “l’avesse fatto una qualsiasi altra organizzazione stareste gridando allo scandalo” e, aggiungo io, il SacroBlog avrebbe fatto in modo di guadagnarsi molti click con una notizia simile.

E’ estremamente grave quanto accaduto ed estremamente grave che i consiglieri 5 stelle non capiscano quale sia il limite da non oltrepassare andando a rovinare, tra l’altro, quella che pare essere una ottima iniziativa.

Mi meraviglia che sia in questo caso che in quello del nostro articolo qui sopra riportato le scuole abbiano lasciato fare.

Per ulteriori commenti sulla vicenda rimando a quanto già scritto per il caso del liceo piemontese.

Che le forze politiche stiano fuori dalle scuole, ci sono limiti che non vanno superati.

 

Annunci