Si, Beppe, te lo diciamo: NO, ma…

Immagine

Appunto. Ditemi voi… Facciamo un piccolo giro. Clicco e vengo trasferito su

Immagine

E già il titolo è al limite della querela. Che poi si cerchi di mistificare è ancora peggio. Che non sia un fatto isolato è ormai noto.

 

Ma questo è l’ultimo (per ora) passaggio della “notizia”. Infatti tornando indietro ecco che

Immagine

Perchè non si possono mandare i clic solo al blogghe, anche tzetze he ha bisogno. Infatti l’ “argomento” è lo stesso

Immagine

Il tutto dopo il cartello “da twitter”, che da solo non porta guadagni, al contrario dei passaggi sui media della galassia casalgrillesca.

Immagine

 

Quindi è tutto chiaro. UN GIORNALISTA de l’ Unità scrive UN ARTICOLO sul quotidiano e scrive cose false sul comizio barese di Grillo…

E poi il segugio Cancelleri scopre addirittura che il tizio è del PD

Brivido, terrore, raccapriccio, direbbe il periforme Cattivik. Solo che, proprio come il personaggio dei fumetti, il tutto finisce in una figura a dir poco barbina, perchè basta andare direttamente alla fonte dello scandalo per scoprire che:

Immagine

Aspetta. Palombellarossa.com/unita. Non è quindi un articolo de L’Unità, ma un post della Community, dello spazio blog ospitato da quel giornale. E, come dimostra la mia presenza sul web, non serve essere giornalisti per pubblicare su un blog. Siamo quindi di fronte alla solita bufala. Ricapitolando

 

un blogger scrive un post, lo trasformiamo in giornalista, lo spazio web diventa sito di un giornale e confezioniamo il solito attacco lla stampa (che diventa un pezzettino meno libera anche grazie a situazioni del genere). I krikri scattano come molle ed inondano il post di insulti.

 

Probabilmente De Santis ringrazierà per il numero di accessi alla sua pagina, aumentato a dismisura grazie all’aiuto del blogghe. Un po’ come facciamo noi, che negli ultimi giorni abbiamo visto aumentare gli accessi al merdone, perchè i grillini passano a trovarci per dare il loro contributo (vedere il rating degli ultimi post, e soprattutto il numero dei votanti) denigratorio. Ringraziamo anche noi.

Se poi i commenti sono come questo…

Immagine

Non è che siano poi tanto incisivi, perchè di fatto confermano il post, vanificando l’attacco. E Grillo non parla delle questioni locali, preferendo (in una piazza, che poi è una strada) i soliti temi, che sono gli stessi del recente spettacolo teatrale. I comizi sono repliche gratuite del tour…

Grillo non parla quasi mai delle comunali perchè non conosce i candidati? Non è argomento valido, anzi. Un partito con quelle dinamiche, che vincola l’accesso alla vita politica all’approvazione di uno Staff, che (come nel caso di Bari, ma non solo, per restatre in Puglia anche Foggia) decide in nome e per conto del pardone del simbolo? E lo stesso nemmeno si degna di incontrare una decina di suoi rappresentanti? Curioso…

Sempre del post incriminato si apprende, infatti…

Sarebbe stato difficile per lui parlare della città di Bari, in quanto proprio qui sono emersi i più grandi difetti del Movimento cinque stelle. Venti giorni fa, il candidato sindaco del m5s era Madetti, oggi si chiama Mangano. È stato sostituito in gran segreto e tramite un comunicato sul blog del “capo” del movimento. Proprio stamattina Madetti si è presentato in tribunale per sporgere denuncia contro i vertici del movimenti, responsabili del detronamento a mezzo blog. Per Beppe sarebbe stato difficile parlare delle comunali baresi, l’imbarazzo era palpabile e la piazza mezza vuota ne è stato il segno più tangibile.
(link)

 

NOTA: Due su due. Palermo > attacco al tg1

                               Bari > attacco a L’Unità

Tutti e due andati (a parte per i krikri, per cui ogni cosa scritta sul blogghe e Sacra Verità) a vuoto. Aspettiamo di sapere oggi cosa troverà per il comizio di Napoli.

 

Annunci