autoritarismo autoritario…

vorrei definirlo ironico invece è proprio ipocrita. grillo e Casaleggio aderiscono all’appello degli intellettuali di sinistra che paventano una svolta autoritaria nel percorso delle riforme istituzionali.

Nemmeno mi interessa argomentare sull’appello, su cui ci sarebbe da approfondire, ma ieri il blogghe lo ha presentato con tanto di foto di Licio Gelli (che i proponenti l’appello non menzionano), oggi posta un messaggio “molto sintetico” in due parti, dimostrando evidentemente di non aver neppure capito cosa copincollano. Nella prima parte, infatti

<“Sono contenta che [il nostro appello] lo condividano persone che mi sembra tendano a gestire in modo padronale e autoritario un movimento che ritengo molto interessante. Spero che questa adesione sia per loro uno spunto per ripensare la gestione dei rapporti interni al Movimento 5 stelle” Lorenza Carlassare, costituzionalista>

la critica è anche alla gestione stessa del m5s, con l’auspicio che l’adesione a quell’appello si riverberi anche ll’interno del m5s. Lo hanno capito i redattori del post? “Ripensare alla gestione dei rapporti interni al m5s” scrive Carlassare, gestione che le sembra essere gestita “in modo padronale ed autoritario”. Non tutto questo complimento, cari Casalgrillo.

E credo si riferisca, ad esempio, all’ultimo caso di vincolo di mandato a pagamento, perfettamente incostituzionale. Per andartene devi pagare (come le prostitute schiave, che affrancano la loro libertà), e se ti caccio (abbiamo visto la democrazia della base negli ultimi episodi) paghi lo stesso.

Il signor “pillolo” (a proposito, Barillari, ma quelli che non mettono il nome non erano troll?) conferma implicitamente. Scrive, infatti, nella seconda parte del medesimo post:

“a tutti quelli che continuano e continuano e continuano a parlare dell’autoritarismo del M5S, CI AVETE VERAMENTE ROTTO I CO-GLIO-NI! con frenzienstein siamo in rotta verso la mafiocrazia di stato e questi signori e queste signore sono ancora in giro con i discorsi di autoritarismo M5S, ma andate a AFFANCULO, Amen!”

Ergo, di fatto, manda a fare in culo pure Lorenza Carlassare.

Siamo alle solite. La svolta autoritaria è inammissibile (resta da capire se ci siano le basi, ma ribadisco di non volerlo fare), ma solo per gli altri. Il m5s è intoccabile, a detta dello stesso m5s, benchè autoritario e padronale. Etica monodirezionale che ben conosciamo.

Ed è la lettura migliore del post, perchè se il signor Pillolo commenta direttamente Carlassare, dimostra ulteriormente che il m5s ha sottoscritto quell’appello solo perchè ce l’ha con il Governo in carica, ma non lo condivide. E lo ha fatto solo per marketing, negandolo allo stesso tempo. Come se i diarchi avessero firmato un appello animalista con la camicia macchiata del sugo di una bistecca. Se non hanno capito cosa firmavano hanno qualche piccol attenuante, se lo hanno fatto solo per farsi vedere no. I commenti di blogghe e social dimostrano che la base, i “pillolo” di turno non aderisce all’appello, Il m5s deve comandare, in barba a tutto ed a tutti, deve mandare a casa, deve mandare tutti in galera o, se va bene, almeno a casa. E tutta la solfa che conosciamo.

Come dire, parafrasando un commento:

“l’appello è giusto, peccato solo che lo abbiano proposto e sottoscritto intellettuali di sinistra. Grillo e Casaleggio lo hanno firmato, ma riusciranno a cacciare la sinistra anche da quel documento”

Annunci