considerazioni a caso

Dunque, la fase politica attuale è particolarmente convulsa. Oggi pomeriggio ci saranno le Consultazioni di rito, pare che i grillini non si presenteranno. La rete non lo ha votato (come dovrebbe essere tra i grillini), Il gesto rappresenta l’ennesimo sgarbo istituzionale. Certo, presentarsi di fronte a quel Presidente della Repubblica che si sta tentando ancora oggi di far decadere, nonostante il comutato preposto abbia già decretato che le motivazioni sono infondate, sarebbe imbarazzante. I krikri, infatti, non prendono atto della decisione, ma stanno cercando improbabili consensi per ripresentare la messa in stato d’ accusa con il numero di firme necessario.

Inutile dire che ben difficilmente le troveranno, che le motivazioni sono comunque labili, i grillini vanno, al solito, avanti, come se delle Istituzioni e delle regole poco interessasse loro.

Intanto il mondo va avanti, la Crisi si compie (tralasciamo l’analisi politica, l’opportunità o meno, l’arrivismo vero o presunto di Renzi, non è nel focus di questo blog), Letta annuncia le sue dimissioni. Tuono dei grillini che pretendono la parlamentarizzazione. Ma come, loro? Gli stessi che, forzando le decisioni della Consulta, hanno da sempre parlato di un Parlamento illegittimo? Mero sadismo, impossibile che una crisi più politica che altro, vada in Parlamento, il PD dovrebbe votare contro se’ stesso, nonostante il PD ci abbia regalato incredibili autogoal questo sarebbe troppo! Ovviamente non è stato così, Letta presenta le sue dimissioni, il Quirinale ne prende atto. I grillini la prendono bene…

Al subodorare di Consultazioni (come previsto dalle regole costituzionali) altro tuono: Napolitano non deve accettare che la delegazione di Forza Italia sia capeggiata da Berlusconi, perchè è un pregiudicato. Eppure a Marzo un altro pregiudicato varcò quella soglia. Si, proprio lui, Beppe Grillo. Ma in quel caso silenzio, anzi giubilo. E poco importa se lo status di pregiudicato dipende da reato colposo o dalla tipologia dello stesso. Sulla fedina penale non c’è distinzione. Se Grillo può capeggiare la delegazione m5s a Marzo, può farlo anche Berlusconi 11 mesi dopo. Altro argomento che viene meno. Come viene meno la teoria l’attacco alla Costituzione perchè Renzi non ha l’appoggio elettorale, la Costituzione non lo prevede (si rilegga l’articolo 92), supportata anche dai giornalisti “liberi”, così come quella del colpo di Stato di Napoitano, perchè (articolo 94) anche il Govern Renzi dovrà passare dalla Fiducia Parlamentare.

Insomma dal punto di vista formle non c’è nula da eccepire, ne’ di illegittimo in quello che sta accadendo. Neppure il fatto che la Crisi sia dettata e risolta dallo stesso partito che esprimeva il Presidente del Consiglio (si noti, non “premier”, non “Capo del Governo”), è capitato nella “prima Repubblica”, è capitato nella “seconda”, capita regolarmente all’estero quando cambiano i vertici di partito. Ma per i grillini no, è l’ennesimo colpo di Stato di Napolitano.

Non andranno alle consultazioni, vanno dicendo che “tanto tutto è deciso”. Vero, forse, ma nemmeno quello è argomento valido. Quando sono nati i Governi Berlusconi le Maggioranze erano chiarissime, altrettanto che il PdL/FI avrebbe espresso quel nome, eppure tutti i partiti hanno sempre accolto l’invito e si sono recati al Quirinale. Semplice rispetto delle Istituzioni, semplice volontà di concorrere, benchè in minoranza al gioco democratico.

Cose ignote su Gaia, dove è vietato andare in tv, ma se Santoro ti concede uno spazio creato ad hoc allora si accetta di leggere comunicati stampa (tali sono gli interventi grillini a “servizio pubblico”), è perfino vietato criticare il Sindaco e la sua Giunta se questi ti paga lo stipendio. Cosa vuoi che sia portare rispetto, se non proprio all’uomo Giorgio Napolitano all’ Istituzione PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA? D’altra parte abbiamo già visto vicepresidenti d’Aula insultare di fatto il proprio Ufficio (vero Di Maio?), quel vecchio può anche [insulti a piacere, basta leggere i commenti ad un post qualsiasi del blogghe]… Basta che si faccia nel modo più rumoroso possibile, perchè così si finisce sul Blogghe, i krikri cliccano, Grillo (non il m5s) guadagna. E, se proprio non basta, allora organizziamo pure “gite sociali” per andare a seguire il suo tour teatrale. Il tutto però con il simbolo m5s nella locandina.

Dimenticavo, è venerdì, c’è la fanzine da scaricare, il sondaggio da cliccare… e, mentre al Quirinale si rispettano regole e prassi, tutti su “lacosa” a sentire Di Maio e Taverna che (cito) Faranno importanti dichiarazioni! Non potete perdervelo [segue link].

Forse diranno che (lo ha già fatto Di Maio) ci sono 12 senatori pronti a lasciare il PD per il m5s. [ridicolo solo il pensiero, io se mi insultano per 10 mesi non ci vado, a maggior ragione se i loro statuti mi vietano l’ingresso a prescindere]

E, se serve, mettiamo sotto al post la foto di una giraffa, perchè così (invero aiutati da Civati, e lasciamo perdere che è meglio…) si accendono i cuoricini krikri.

A già, è San valentino… Sono Single e contro le feste comandate, quindi [omissis]

Annunci