Intercettazione ambientale

I potenti mezzi del Merdone ci hanno fornito questo documento esclusivo, che di sicuro farà tremare le vene dei polsi di più di un grillino. Lo proponiamo integralmente:

 

– PRIMO!!! Diamo inizio alla discussione per decidere la nuova legge elettorale.

– Che figata! Stiamo facendo la storia e la stiamo facendo noi cittadini!!

– Un giorno lo potremo raccontare: “C’ero anch’io!!”

– Dai, tiriamo fuori le proposte: chi comincia?

– Per me va bene qualsiasi legge, basta che ci siano le preferenze.

– Devono sparire tutti!

– Ma mettiamoci pure il doppio turno! Così, se al ballottaggio ci arriviamo anche noi, vinciamo noi di sicuro, sia contro il nano sia contro l’ebetino.

– Fanno tutti schifo. M5S tutta la vita!!!

– Attenzione, però: con le preferenze ci sono quelli che si comprano i voti e che tappezzano le città con le loro facce.

– E a noi che ci frega? Noi non metteremo un solo manifesto con la faccia di uno di noi, faremo solo campagne su internet.

– Non vedo l’ora di mandarli tutti a casa!

– Va bene, allora preferenze con doppio turno.

– Rido già da ora, al pensiero di tutti quelli come Gasparri, che prenderanno solo 1 voto hahaha

– Ma scusate, se va bene preferenze con doppio turno perché in Parlamento, quando è stata messa ai voti, abbiamo votato contro?

– SPARISCI!!1 TROLL! SKIZZO DI MERDA!!! CHE CAZZO SEI VENUTO A FARE QUI??’? VAI A ROMPERE DA UN’ALTRA PARTE!!1! CHI TI PAGA?’??

– Va bene, chiedo scusa. Come non detto.

– Vinciamo noi!!

– Che bello: noi la legge elettorale la discutiamo tra i cittadini, una cosa così, quelli del pdexmenol, se la sognano.

– È vero hahaha, quelli si stanno menando tra di loro, voglio vedere le loro facce quando presenteremo la nostra proposta che sarà votata da tutto il M5S. Altro che quella schifezza che hanno partorito i due pregiudicati!!!

– E come dividiamo le zone? In regioni?

– In collegi uninominali.

– No, che c’entrano i collegi? Quelli riguardavano il Mattarellum.

– Gli facciamo il culo, stavolta!

– Embé? Noi non siamo per il Mattarellum?

– Basta che si vota al più presto che non ne posso più di vedere ancora quelle facce di merda di Letta(me) e di Cagnolino Alfano!

– Prima eravamo per il Mattarellum, adesso no.

– Ma mettiamoci pure l’elezione diretta del Premier. Io voglio votare Di Battista presidente del consiglio.

– Ah, dunque non siamo più per il Mattarellum e per che cosa siamo?

– Ora siamo per la legge che faremo noi!!

– Anch’io voglio Di Battista presidente del Consiglio. Ma è inutile che facciamo il presidenzialismo, perché tanto faremo la democrazia diretta e saremo tutti presidenti del consiglio.

– Fuori i condannati in via definitiva! Sai quanti problemi si risolvono?

– E che legge facciamo?

– Doppio turno nazionale.

– Comunque ha ragione quello che chiede come dividiamo le circoscrizioni elettorali. Vanno divise per regioni.

– Io già ho deciso che voterò per Giulia Sarti. È una grande!!

– Ma scusa, se dividiamo l’Italia in regioni poi uno che è milanese non può votare per esempio uno che è siciliano?

– È vero!! Io sono di Potenza, poi non posso votare Di Battista?

– Allora facciamo che è tutta Italia è una circoscrizione.

– Grande Beppe che ci dà questa possibilità di discutere on-line tra cittadini.

– No, se si fa tutta una circoscrizione, poi si fa casino. C’è da eleggere 630 deputati e 315 senatori: te l’immagini che in ogni seggio di Italia si appendono dei listoni così lunghi??

– Li mettiamo su internet, così risparmiamo sulla carta e non abbattiamo alberi!

– Prenderemo il 51% già al primo turno, me lo sento!!

– Ma proponiamo anche di ridurre il numero dei parlamentari. Da 630 a 400.

– Ah, giusto. 20 per ogni regione.

– NOO! Abbiamo detto che ognuno deve poter votare per chi vuole!!

– E quindi?

– E quindi un listone unico di 400 candidati per tutta Italia.

– Ah, va bene.

– Mettiamo ai voti?

– No, aspettate: ma così, uno che vuole farsi eleggere deve farsi la campagna elettorale per tutta Italia, anziché solo sul suo territorio.

– Ed è giusto che sia così!! Uno che vuol fare il deputato, mica deve badare solo ai fatti di casa sua, deve pensare ai problemi di tutti gli italiani!!

– Anch’io voterò per la Sarti. È pure una gran figa, altro che Rosy Bindi hahaha.

– E poi, le campagne elettorali, noi le faremo su internet e non spenderemo nemmeno un soldo. L’altra volta Dibba spese solo 143€!!

– Allora mettiamo ai voti?

– Ai voti cosa?

– Quello che abbiamo deciso: preferenze, doppio turno nazionale, una sola circoscrizione e riduzione a 400 deputati.

– Ma facciamo 200.

– Ok 200.

– Forse 200 sono pochi. Facciamo 300.

– Ma che vi frega, tanto faremo la democrazia diretta!!

– Ah, già.

– Allora facciamo 1?

– Ora non esageriamo.

– E perché esageriamo? Tutti gli italiani decidono e quell’uno obbedisce.

– Allora: preferenze, doppio turno nazionale, una sola circoscrizione e riduzione a 1 deputato. Mettiamo ai voti?

– Dai, non siate ridicoli: come fa 1 solo deputato a leggersi le mail di tutti quelli che gli chiedono di fare una legge?

– Facciamo 20 deputati.

– Ma le leggi non le dovrà fare lui, le faremo noi, votando sul blog di Beppe. Se no che democrazia diretta è?

– Beppe, oggi non ti ho ancora detto che ti amo.

– No, scusate: 1 20 o 400 che siano, poi cosa fanno, se le leggi le approviamo noi?

– Un cazzo. Il parlamento non servirà più a niente e sarà raso al suolo!!

– Allora: preferenze, doppio turno nazionale, una sola circoscrizione e zero deputati. Mettiamo ai voti?

– No, aspetta, così non serve a niente votare.

– Aaaaahhhh, sai che goduria, abbattiamo il Parlamento coi picconi, come il muro di Berlino!!!

– Sarà l’ultima volta che si vota: vince il M5S e da allora in poi si fa la democrazia diretta!

– E se non vince?

– CI TENIAMO PER ALTRI 20 ANNI BERLUSCONI E RENZIE!! DOBBIAMO VINCERE PER FORZA!!!!

– E quindi che proposta portiamo?

– Che chi prende più voti, quello vince.

– Se vince M5S →→ democrazia diretta,
se vince Berlusconi/Renzie →→ dittatura per altri 20 anni.

– Allora: si vota solo il simbolo. Mettiamo ai voti?

– No, fermi!! Così è peggio del porcellum!!!

– Qualche mese fa Beppe aveva detto che il porcellum andava bene.

– Dovete pure considerare che se andiamo a fare una proposta così, non ce l’approveranno mai.

– Se voteranno contro, li sputtaneremo in ogni modo!! Avranno detto di no ad una legge votata da milioni di cittadini on-line!!!

– A parte il fatto che siamo solo 90mila (e che qui, a discutere, siamo solo una cinquantina), devi pure considerare che se portiamo una legge più dura del porcellum, saremo noi a sputtanarci.

– E allora? Non mettiamo ai voti niente??

– M’avete rotto!! Fate voi…

– Bene: la proposta, allora, è che si voti solo il simbolo, però col doppio turno e poi, chi vince governa. Chi è favorevole?

– Lascia stare, siamo rimasti 4 gatti… riprendiamo più tardi.

 

Allocinante, non è vero?

Aspetta, nella foga del copincolla di una nota dell’ amico Antonio dT (che ringrazio per averci dato il permesso di pubblicarla), mi è sfuggita l’introduzione:

I grillini saranno chiamati a discutere on-line varie ipotesi di leggi elettorali e poi ne sceglieranno una insieme. Ma ve li immaginate? Io ho provato a immaginarmeli. Mi è venuta un po’ lunghina, però scorre e sono solo 5 minuti, dai, leggetevela.

 

Si tratta quindi di un PALESE PERCULO!!! Non vero, benchè verosimile. E lo preciso proprio per i grillini. Non vorrei che faccia la fine del Senatore Cirenga o del Troll pentito, altrettanto post ironici diventati presto virali e considerati reali anche se plurismentiti…

(non si dica che non lo abbiamo detto 😉 )

Annunci