#M5S e #ReatoClandestinità,poche ore per decidere linea politica su server #CasaleggioAssociati

Ricordiamo tutti il putiferio che si scatenò fuori e dentro al M5S per l’emendamento di due Senatori di qualche mese fa che proponeva la cancellazione del Reato di Clandestinità.

Le reazioni di una parte dell’elettorato furono talmente dure nell’apprendere la notizia di questa iniziativa da far intervenire direttamente il Presidente Grillo ed il socio Casaleggio che, attraverso il SacroBlob, delegittimarono il lavoro dei loro portavoce e chiaramente dichiararono che compito del MoVImento non è educare il suo elettorato e che se la cancellazione del Reato di Clandestinità fosse stato inserito nel Programma (quello incompleto,ne parlammo qui) avrebbero preso voti da “prefisso telefonico”.

G&C mentirono allora sostenendo che i due Senatori (Cioffi e Buccarella) avessero portato avanti questa iniziativa senza consultarsi con i colleghi, scrissero infatti : “un portavoce non può arrogarsi una decisione così importante su un problema molto sentito a livello sociale senza consultarsi con nessuno.”

Scrivo che mentirono perchè arrivarono le smentite a queste affermazioni da ben 3 Senatori che noi prontamente riportammo e che potete trovare qui (Sen.Vacciano),qui (Sen. Cioffi) e qui (Sen. Campanella).

Eravamo ai primi di ottobre e sono passati quindi 3 mesi, non poche settimane. La base sarà stata interpellata nel frattempo? NO.

Oggi, alla vigilia del voto di domani in Senato per la disposizione dell’abolizione appunto del Reato di Clandestinità arriva l’invito sul SacroBlob ad esprimersi in tal senso.

Potranno votare SOLO gli iscritti certificati PRIMA del 30 giugno 2012 (gli altri non esistono) tra le 10 di stamattina e le 17 sempre di oggi. Una parentesi di 7 ore. Non c’è stato alcun preavviso, alcuna discussione informativa preliminare, nulla.

Come per le votazioni in Basilicata per eleggerne il candidato alle Regionali voterà solo chi avrà la fortuna di leggere per tempo il post sul blog, chi invece per motivi lavorativi o di accesso a internet non riuscisse ad arrivare per tempo vale evidentemente gnente (cit).

Scriverei di più a riguardo ma mi pare che le parole della pronta risposta del Sen. Campanella siano abbastanza esaustive

“La indìce “ora per poco fa” e senza preavviso (la consultazione inizia alle 10 ma il messaggio arriva “a sorpresa” quando la consultazione è già partita.
La consultazione arriva il giorno prima del voto in Parlamento e dura 7 ore (quelle lavorative, in cui può rispondere chi ha la disponibilità ad accedere ad un terminale)”

e

“Questa vicenda del reato di clandestinità è stata gestita dal Blog in modo discutibile. Non è così che va gestita la democrazia diretta. La vita delle persone non è un videogioco né una battuta da condividere sui social media.”

Molto discutibile la gestione di questa vicenda da che è nata come abbiamo riportato ad inizio articolo.

Campanella prosegue con parole durissime:

“Il blog gestito così diventa un’arma nelle mani di qualcuno che si è convinto di poter gestire più di 150 parlamentari con strategie di organizzazione di rete aziendale.
Togliamo quella pistola a Casaleggio! Il M5S è un fenomeno troppo serio per essere gestito in questo modo!”

Sono pienamente d’accordo. Aggiungo che queste votazioni sono GESTITE dalla Casaleggio Associati quindi mi riservo anche il beneficio del dubbio circa la veridicità dei risultati che verranno pubblicati. Ricordo infatti che non si tratta neanche di votazioni sulla tanto attesa e proclamata Piattoforma perchè ancora non esiste e forse mai esisterà.

Il Sen. Campanella vorrebbe togliere questa “pistola” a Casaleggio? Mi verrebbe scherzosamente da dire: ” Casaleggio chi?”

Perchè, nonostante ormai sembri normale che la Casaleggio Associati faccia parte del MoVImento in realtà fino a qualche mese fa,soprattutto prima e durante le elezioni e la campagna elettorale, ben pochi elettori sapevano dell’esistenza di questa figura. Ma evidentemente ha poca importanza per i più.

Credo che il Sen. Campanella abbia ben poco da sperare, il giochino dalle mani del socio non lo toglierà nessuno e mi pare che si contino sulle dita di una mano i portavoce 5 stelle che si siano fatti qualche domanda in tal senso.

Ma andiamo avanti, non potendo accedere alle votazioni perchè non iscritta posso rifarmi solo alle testimonianze che trovo in rete.

Eccone una

Apprendo quindi che si tratta di ben 24 pagine di testo con relativi rimandi. Il signore in questione spiega chiaramente in due parole il problema e scrive:

Alla fine ho messo ABROGATO, ma non è che sappia bene cosa c’è nella legge…

Quindi, non solo G&C non danno alcun preavviso, non danno alcuna nota informativa precedentemente, concedono solo 7 ore per esprimere la propria volontà e non a tutto l’elettorato ma, oltretutto, pretendono che un comune cittadino si debba esprimere su di un malloppone di 24 pagine con relativi rimandi.

Sarebbe questa la Democrazia Diretta e partecipata?

Chiudo con le parole del Sen. Campanella che per me centrano perfettamente anche questo punto e sono durissime:

“Siamo tutti d’accordo sul fatto che le leggi votate in parlamento hanno conseguenze serissime? Io ogni volta che discuto di qualcosa sono investito dalla consapevolezza del fatto che in ogni comma c’è la vita delle persone. É così che vogliamo gestire la vita dei nostri concittadini? A mo’ di rischiatutto?”

Buona votazione MoVImento!

 

Annunci