giorno 325 – Dibba apre becco e….

Dunque, fatemi capire… il primo punto del decalogo (in 20 punti, che diventano 24 con i bis) di Sibilia è

Berlusconi è politicamente finito grazie al Movimento 5 Stelle

 

E praticamente in tutti gli altri 23 (curioso, per un DECAlogo….) parla sempre del PdL, ovviamente in chiave PD, ed oggi leggo sulla pagina di Di Battista

Poi mi ha davvero colpito il fatto che l’ex Senatore Berlusconi, decaduto solamente 90 ore prima, non sia mai stato nominato su quel palco. Mai, neppure un accenno

 

E traggo le debite conclusioni. Il Vday (palesemente un flop perchè ampiamente, nonostante Grillo millanti presenze fisicamente impossibili nemmeno soppalcando la piazza) è diventato ormai “brand” a tutti gli effetti, e lo slogan “oltre”, nonostante sia già stato usato, fatalmente da Bersani nel 2011,

Image

ammorberà i social media e sarà ripetuto ossessivamente da ogni grillino.

Non a caso il Master of the piacioni (Al Secolo Di Battista) con piglio da Statista Navigato quale è presenta l’intervento in Aula asserendo che in quel discorso c’è tutto il v-day. Ed i  grillini rispondono “siamo OLTRE”.

sarebbe interessante confutare tutto l’impianto dell’intervento, ma è – francamente – un lavoraccio che non voglio fare. Ma alcuni punti sono particolarmente interessanti… [Per chi volesse leggerlo tutto il link facebook al post di Di Battista è questo ].

L’incipit è chiarissimo

Grazie Presidente,
Governo, Ministro Mauro, Ministro Franceschini, noi la fiducia non ve la daremo mai!

E va bene, intanto la Fiducia è passata (decreto Missioni) con ampia Maggioranza… Ergo, grazie e tiriamo avanti.

 

Poi il solito riassunto degli ultimi post del blogghe, come si vede da questo estratto.

La fiducia non ve la daremo mai perché non vi occupate di lavoro, perché ci avete svenduto all’Europa, perché siete il Governo del nulla mischiato con il niente, dell’immobilismo lugubre, delle collusioni con le concessionarie delle slot machine.

Come se, nel programma grillino si parlasse ampiamente di lavoro, come se gli slogan “il nulla mischiato con il niente” avessero valore politico….

Ma non è nemmeno il meglio.

Alcune – brevi -perle:

Pensiamo al caso Shalabayeva, eravamo il Paese dell’accoglienza e ora siamo quello dell’espulsione, una donna e una bimba consegnate nelle mani di un governo dittatoriale, tutto in nome della realpolitik, delle connessioni che Nazarbayev ha, non soltanto con Berlusconi. Berlusconi è stato per troppe volte l’alibi di qualcun altro. Quell’espulsione è stata ed è una vergogna e Alfano continua a sedere su quella poltrona, placido, tranquillo, sicuro di essere un INTOCCABILE. Come si sbaglia Ministro!

Ancora con quella vicenda, estremamente strumentalizzata dai grillini, addirittura andati in MISSIONE (quindi a spese nostre) per girare una video intervista da trasmettere sul blogghe….

Eravamo il paese di San Francesco d’Assisi che andò in missione diplomatica potremmo dire, a dialogare con il Sultano d’Egitto e ora siamo il paese che vuole, in nome di una sudditanza senza precedenti nei confronti dell’alleato americano, risolvere le controversie internazionali con le bombe violando di fatto l’art. 11 della nostra costituzione

Articolo che integralmente recita

L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

Dove ho volutamente grassettato la parte che mai nessun grillino riporta, perchè è quella che, di fatto, legittima il nostro intervento nello scenario internazionale. Si vede che sul tetto difendevano una versione ridotta (o, come dice Morra, difendevano solo l’articolo 138, dato che Grillo vuole il vincolo di Mandato e referenda su trattati internazionali).

103 milioni di euro li spendiamo in 41 giorni di guerra in Afghanistan e in quel Paese stiamo combattendo da oltre 3800 giorni, la guerra più lunga dalla II guerra mondiale in poi.

Calendario alla mano, 3800 giorni sono poco più di 10 anni, la guerra del Vietnam (prendendo come inizio l’ “incidente del Tonchino”, a detta della maggior parte degli storici) ne è durata 11 (la caduta di Saigon). Se poi (fonte wikipedia) si considera l’inizio con la nascita del Fronte di Liberazione Filo-Comunista, gli anni diventano addirittura 15….

Eravamo il Paese di Enrico Mattei e della sua politica in favore della sovranità energetica, ora siamo il paese di Scaroni e delle sue tangenti.

Evidentemente non ricorda una delle più famose citazioni di Mattei:

Uso i partiti allo stesso modo di come uso i taxi: salgo, pago la corsa, scendo.
Ed infine la prima frase dell’ultimo paragrafo:
 
Tutto questo lo sappiamo bene, ne siamo coscienti, ma adesso dobbiamo andare OLTRE, oltre la sana e giusta indignazione, oltre la rabbia, oltre le lamentele continue.

Vado OLTRE anche le cazzate e non leggo, volutamente, la chiusura dell’intervento…. Lascia perdere gli slogan, fai un po’ di vera politica…. D’altra parte il punto 20 del decalogo recita.

Il vero potere risiede solo nelle tue mani e nella tua mente
 
Dove per TUA MENTE è da intendersi, verosimilmente, tua di te, non tua di Grillo…..

PS: stasera ascoltavo “la Zanzara” ( e comunque Cruciani mi sta sulle balle lo stesso….), intervistavano Borghezio, carino sentirlo parlare di Renzi (che nemmeno lui, nonostante sarà quasi certamente il prossimo Segretario del PD, è il mio politico preferito) come Dibba… oltre la camicia bianca non c’è nulla [Borghezio] Il nulla con la camicia banca intorno [dibba].

 

 

Annunci