Caso Cancellieri: quando il M5S chiese aiuto per..

Il caso Cancellieri – Ligresti imperversa in questi giorni.

Il M5S si è subito schierato e ha richiesto le immediate dimissioni del Ministro. Questo nonostante non ci sia al momento una inchiesta formale e la Procura Di Torino abbia comunicato che non c’è stata alcuna influenza esterna . I domiciliari a Giulia Ligresti sono stati concessi per una serie di “circostanze obiettive”

La vicenda ce la spiega benissimo Christian Abbondanza, presidente della Onlus “Casa della Legalità e della Cultura”  http://www.casadellalegalita.info/archivio-storico/2013/11173-un-caso-montato-ad-arte-di-falsita-sulla-cancellieri.html .

Dallo stesso Abbondanza poi si scopre che nell’aprile 2013 “alle ore 7:12 (a.m.) un parlamentare della Repubblica del M5S con un sms (“…hai num della cancellieri? ho un’emergenza”) chiedeva al Presidente della Casa della Legalità il numero di cellulare dell’allora Ministro dell’Interno perché dovevano chiedergli un intervento urgente per una pratica ferma (tra le tante) per uno straniero che loro conoscevano (una detenuta turca in Italia che rischiava l’estradizione in Turchia dove doveva rispondere di “associazione sovversiva”).” http://www.casadellalegalita.info/archivio-storico/2013/11174-solo-quelli-dei-5-stelle-sono-casi-umanitari-che-il-ministro-deve-affrontare.html

Ovviamente quindi, al solito, per il M5S ci sono due pesi e due misure. Se la richiesta di attenzione viene da loro è giustificata, se viene da altri no, va anzi condannata e si devono subito rassegnare le dimissioni.

Il fatto poi che il Ministro, se a conoscenza di una situazione di emergenza, ha il dovere di segnalarla alle sedi opportune ha poca importanza. La Cancellieri è chiara : “Ho fatto il mio dovere. Cosa avrebbero detto di me, se Giulia Ligresti fosse morta in carcere di stenti? E se si fosse suicidata? Conoscendo la sua situazione, ero obbligata ad intervenire. Questa è la verità. Il mio è stato un intervento umanitario assolutamente doveroso.

Il Fatto Quotidiano e il MoVImento omettono poi di dire (fatto grave!) che il Ministro sia sempre intervenuto là dove è venuto a conoscenza di una grave situazione, all’interno del suo staff c’è inoltre chi raccoglie le segnalazioni giunte al Ministero proprio per questo.

La Stampa e Avvenire ci riportano alcuni casi:

http://www.lastampa.it/2013/11/02/italia/politica/si-mossa-anche-per-un-malato-di-sclerosi-e-per-il-romeno-cioran-bt4vZfUeOQMb2u1jaOUizM/pagina.html

http://avvenire.ita.newsmemory.com/publink.php?shareid=2b5c05cb4#.UnS-x0Po_No.twitter

 

Come si chiede Abbondanza, chi ci guadagna in tutto questo teatrino? Chi sostituirebbe la Cancellieri, magari Nitto Palma?

Annunci

One thought on “Caso Cancellieri: quando il M5S chiese aiuto per..

  1. Pingback: Caso cancellieri | laVoceIdealista

I commenti sono chiusi.