giorno 159 – che fico il presidente della vigilanza….

Dopo tutta la manfrina che ben conosciamo i grillini, che non volevano le poltrone, hanno ottenuto il maggiorn numero di vicepresidente e segreterie delle mitiche Commissioni, che -a loro dire- sono la cosa più importante del mondo politico italico. Non il Parlamento, ne’ il Governo, ma le Commissioni… E ne abbiamo parlato a più riprese.

E, ciliegina sulla torta, peraltro con toni di trionfo, la nomina di Fico in Vigilanza Rai.
Intato la premessa, doverosa quanto nota, che Fico tecnicamente (per regole interne al m5s) nemmeno sarebbe dovuto essere parlamentare, fino ad ora che ha fatto il Presidente della Vigilanza?
Intanto si è accorto che vendere (come voleva il suo padrone) la Rai è impossibile e dannoso per il Paese. Magari si sarà anche reso conto che, contrariamente a quanto scritto nel programma elettorale la Rai ha più di 3 canali. Soprattutto perchè si è preso l’incarico di “monitorarli” all’inomani della sentenza Berlusconi, per verificare… Cosa? Perchè la Vigilanza non ha poteri di censura, quindi (a meno di essere in regime di capmagna elettorale) nei palinsesti delle singole trasmissioni non ha potere di intervento. Ne’, a maggior ragione, nelle scalette dei telegiornali. Soprattutto perchè la notizia è “un filino” importante, ne hanno parlato in mezzo mondo (perfino in Kazakhstan, lo ha detto di Battista). Ma per il grillino in Italia non se ne doveva parlare. Posizione (anche questo lo abbiamo già detto) che sa di sovietico.

Ma, oltre a guardare ore e ore di tele, ha fatto anche altro, ha chiesto (sempre indebitamente) nomi e stipendi di dirigenti Rai. Ovviamente il CdA ha nicchiato, demandando al Tesoro (azionista di maggioranza) ogni decisione in merito. Per il grillino diventa, al solito “mancanza di trasparenza”. Curiosamente, però Fico è tra quei parlamentari che (legittimo, sia chiaro) non ha reso pubblica la sua situazione patrimoniale sul sito della Camera. Ma ormai che la trasparenza grillina sia una cosa a senso unico, chi legge questo blog lo sa da tempo.

E, non contento, si scaglia contro Laura Boldrini, ora Presidente della Camera quando, da responsabile UNHCR per l’area, è stata contattata dalla Rai per una trasmissione all’epoca allo studio (e ad oggi non ancora, pare, nemmeno girata). Lo scandalo segnalato dimentica, però, che l’evoluzione che (pare) avrebbe preso la trasmissione ha portato Laura Boldrini (che nel frattempo ha lasciato l’ UNHCR) a prenderne le distanze. Per Fico, e di conseguenza il grillino, è tutta colpa sua, e ne deve rispondere al Paese…

MA il Fichissimo Presidente della Commissione rai forse non si è reso conto di una polemica un po’ più seria che in questi giorni ha colpito la Rai. Strano, perchè tocca in un colpo solo anche un altro dei capisaldi del m5s, ovvero l’informazione. E lo dice pure Messora (pagato con soldi pubblici…). La Rai avrebbe forzato le regole per assumere giornalisti direttamente da una scuola di giornalismo che nei fatti è (fuori dalle morme) “aziendale”. Fico non ne parla, il blogghe nemmeno… La notizia però rimbalza un po’ su tutti i giornali.

Ma come? La Boldrini è cattiva perchè la Rai le ha chiesto informazioni e lei le ha date, onde dissociarsi per l’uso che di quelle informazioni è stato fatto, la Tarantola è cattiva perchè non batte i tacchi e non consegna carte che non spettano alla Vigilanza, ma quando la “ciccia” è più dura non la mordiamo? Eppure la questione non sarebbe di poco conto (fatte salve le verifiche del caso), se l’ Ordine dei Giornalisti si è premurato di sollevarla. A già, ma per il grillino l’ Ordine va abolito, quindo non importa.

La “meritocrazia” che tanto decantate? Le regole? Tutto viene meno quando serve fare propaganda…

Per inciso, avrebbe anche potuto verificare la questione del film “sangue”, coprodotto dalla Rai e con un ex BR nel cast. Senza voler entrare nel merito, l’interrogazione Parlamentare l’ha fatta Gasparri….

Ma forse la Vigilanza era ancora impegnata a monitorare la Boldrini. Non a caso anche Fico interviene nel “dibattito” sulle comunicazioni della Presidenza per il 20 P.v.

Annunci

One thought on “giorno 159 – che fico il presidente della vigilanza….

  1. Pingback: Letture per le ferie [In aggiornamento continuo fino a settembre 2013] | laVoceIdealista

I commenti sono chiusi.