giorno 154.2 – il “classico” degli f35.

Quasi 24 ore di silenzio per il blogghe era impensabile, e nonostante la giornata semifestiva come fare a scaldare gli animi dei grillini? Semplice, un manifesto del PD e tutto è risolto. Infatti

 

Immagine

corredato da un testo che parrebbe inequivocabile:

“PD di lotta (per finta) e di governo (col pregiudicato) Votano le porcate in Parlamento e poi fanno i volantini facendo credere che la pensano diversamente! Meno di un mese fa il ‪#‎PD‬ ha votato una mozione di maggioranza per l’acquisto degli ‪#‎F35‬ ed ha votato contro la richiesta del ‪#‎M5S‬ di sospendere l’acquisto degli aerei.

 

E, sotto la foto

Ora raccontano balle ai cittadini dicendo che vogliono usare quei soldi per la scuola ed il lavoro! Basta ‪[lanciamo l’hashtag]supercazzolePD‬!”

 

Con tanto di firma.

Ovviamente si dimentica di sottolineare che quel manifesto non è del PD nazionale, ma di una sezione nella provincia di Torino.
E che magari la foto, tolta dal conteesto geografico (la sezione di Nichelino sosteneva Damiano per le primarie, quindi è “non allineata” da tempo) e storico (quando è stata scattata? La penseranno ancora così?) lascia più o meno il tempo che trova.

L’esca è lanciata, i boccaloni fanno il loro mestiere, ed è già un insulto continuo al Piddimenoelle nazionale…
Ed i più “acculturati” ricordano pure la gaffe della pagina facebook di Boccia o copincollano la pagina wiki dello scandal Lockheed (che produce in consorzio gli F35)…

A loro chiedo:
-Lo sapete che Leone si dimise perchè implicato nella vicenda da una campagna mediatica, e fu del tutto scagionato? Che chi lo accusava dai giornali fu condannato per diffamazione (querela adita dai figli), e politicamente perfino i Radicali si scusarono con lui?

-Boccia ha ammesso e spiegato la gaffe, un errore di un suo staffista, che gestisce la pagina twitter. Si sono fatti una risata assieme, hanno corretto il post, e solo nella testolina dei grillini è lui quello che crede (tra l’altro non è nemmeno così, il post era semplicemente scritto in un italiano maldestro) che gli f35 siano elicotteri. Nel m5s non capita mai di sbagliare un post? Si, e quello sui requisiti per accedere agli incentivi per l’assunzione degli under 30 è ancora recente. Ma la colpa, ovviamente non è della “scimmia” (in gergo) di turno, ma dei media. Meglio ancora se tyra quelli ci puoi infilare “Repubblica”…
Premio all’ onestà di Boccia che ha ammesso l’errore e se ne è scusato in prima persona.

-Nel PD ed in altri partiti (di sicuro non nel m5s) non è obbligatorio uniformarsi alla linea del padrone di turno. Anche perchè, esulando dalla vicenda specifica, altrimenti non si spiegherebbe tutta la polemica (ammetto, spesso ai limiti dello stucchevole) sul Congresso prossimo venturo. Nel M5S tutto è più semplice. COmanda il legale titolare dei diritti esclusivi sul marchio. E si segue quello che dice lui. Altrimenti si fa la fine di Adele Gambaro…

-Infine, la si smetta di sparare cifre astronomiche sul progetto f35. Si tratta di circa 12 miliardi, e non di 53, e spalmati su tutto il progetto. Non in un anno. Cifra che si spenderebbe (e forse non basta) in un trimestre di reddito di cittadinanza.

Auspici, ovviamente, inascoltati. Ma al grillino, si sa, basta poco per scattare. D’altra parte è la strategia mediatica: lo tieni sulle spine, lo carichi a dovere, poi basta un nonnulla… E se non basta ricominciamo. Tanto di foto in giro per il web ce ne sono a bizzeffe. E se non bastano c’è il solito Marra pronto a realizzarle.
Lo spirito critico? Lasciamolo da parte. Non si sa mai che ad usarlo finisca per esaurirsi…

 

Annunci

One thought on “giorno 154.2 – il “classico” degli f35.

  1. Pingback: Ferragosto, neanche le dolomiti ci salvano | cavallopazzo

I commenti sono chiusi.