giorno 153 – il bilancio dei 100 giorni.

Caro il mio grillino, se credi ancora alla balla dei 42 milioni restituiti vuol dire che Casaleggio, con i suoi Messora e Casalino hanno fatto un buon lavoro. Ricordarti che a norma di legge il m5s non ne ha diritto non importa, che a rigor di logica non puoi rendere ciò che non hai mai avuto ne’ mai hai po avere. Lo dice il post “cento giorni di libertà, e tanto ti basta.
Ma non ammazzare la tua intelligenza, ti prego. Il post comincia con un elenco di proposte di legge presentate a vostro dire. Ma perchè, dopo insistenze, al massimo i parlamentari ti danno gli estremi di mozioni? E mi riferisco al solo reddito di citadinanza. Il grillino crederà che è un DdL, ma negli atti parlamentari non risulta. Chi avrà ragione? O i siti del Parlamento sono meno affidabili delle parole di Messora?

Davvero non ti muove un moto di curiosità a verificare ciò che Casalino scrive? D’altra parte siete quelli che dovrebbero aprire il Parlamento come una scatola di tonno, che giocate a fare le pulci agli altri. Poi leggete sul blog che Borgofranco d’ Ivrea è un’area incontaminata della provincia di Torino e per voi diventa la foresta pluviale…

Accendete il cervello, e scoprirete che

Forse per la prima volta nella storia recente della Repubblica, esistono 157 parlamentari completamente liberi, 157 cittadini liberi di occuparsi solo dell’interesse collettivo.

E’ la più grande presa per il culo che vi potessero regalare. Perchè il giorno stesso della chiusura dei seggi elettorali Grillo tuonò contro l’articolo della ostituzione che quella libertà sancisce. Perchè i 157 all’inisio erano 163 e, guarda caso, più di uno di quelli che mancano è stato epurato proprio per eccesso di libertà. Perchè Grillo ha bloccato l’assessorato proposto (e votato dalla base) da Marino a Roma, perchè Grillo e Casaleggio hanno bloccato sul nascere ogni qualsivoglia apertura nei confronti di altri che non siano grillini.
157 liberi, di cosa? Di assecondare i capricci del capo, pena la gogna mediatica.

Se ci credi ancora, continua pure a votare GRILLO (e non il m5s). Intanto, ti piaccia o meno, il famoso spread è ai minimi storici, il Governo sta cercando di ottenere il massimo dalla strana maggioranza nonostante il vostro, a volte stupido, “costruzionismo”, come se cambiargli il nome ne mutasse il significato. Intanto il Governo taglierà le sue spese per recuperare i tagli di cui NON è responsabile. Ma per voi, rivoluzionari da tastiera, basta far parte di uno dei partiti che non siano il m5s per venire etichettati come responsabili. E chi li sostiene, o anche solo prova a criticare Grillo, viene iscritto in una lista di proscrizione, etichettato come schizzo di merda e quant’altro, che ben sapete.

Intanto, alla chiamata dei fatti, non è che dove “governate” voi le cose vadano bene, anzi. Ma la scusa è sempre quella, sempre la stessa, che usano i politici che tanto disprezzate “è colpa di chi ci ha preceduto”. E mai una singola responsabilità politica.

Come se arrivaste da un altro pianeta, come se non fosse che siete nelle istituzioni da anni (benchè nella maggiorparte dei casi in minoranza…).

Se questo atteggiamento non danneggiasse anche il resto dei cittadini (vedi la legge sull’ omofobia, che avete rallentato, tra le altre) vi direi “contenti voi”. Ma, purtroppo il vostro atteggiamento tocca tutta la Nazione. E non è quello spettacolo di novità che le veline del vostro network va propagandando.

Intanto i vosti parlamentari insultano le istituzioni, anche ora che sono in vacanza. Ed i fedelissimi del web (che per fortuna sono la minima parte) vi chiedono di andare in televisione a proseguire l’opera. Beh, a questo punto lo chiedo anche io. Ma non da soli a cantarvela e suonarvela. Un confronto, ma che sia vero, e sui temi reali della vostra “non politica”. E altro che 51%…

Annunci