E SE FOSSE STATO IL MARITO A….

Come cambiano in fretta le situazioni. Fino a poche settimane fa si parlava di un pover’uomo, un certo Mukhtar Ablyazov. Veniva descritto da giornali, esponenti politici, Sel aprì il caso e i grullini ci hanno marciato e continuano a farlo,  come un povero dissidente che era scappato dal proprio paese perché rischiava la vita, aveva chiesto ed ottenuto asilo politico in Inghilterra, un padre affettuoso e un marito modello(ok, qui so un po’ giocando..mica tanto), ricordo le accorate parole di Giarrusso al Senato, parole di rabbia miste a commozione, nel descrivere quest’uomo dalla grande umanità, carte alla mani, il senatore grullino si prodigava nel perorare la causa di Ablyazov.  Ora, però, su questo sant’uomo è calato il silenzio da quando è stato arrestato. Dagli uomini del presidente-dittatore kazako? No, dai poliziotti francesi in Costa Azzurra. Ops..Che sarà mai successo? Un errore di persona? Un malinteso? Una multa non pagata? Niente di tutto questo. Era semplicemente ricercato dall’Interpol, su di lui pendevano tre mandati di cattura (alla faccia di giarrusso), la polizia francese ha fatto il suo dovere, proprio come provò a fare quella italiana. Però, quella italiana è comandata da Berlusconi attraverso Alfano, sempre secondo Giarrusso, è formata per metà da dementi che non capiscono di essere manovrati e, per l’altra metà, da persone che vogliono compiacere il potere, da corrotti, insomma. Mentre quella francese…A proposito, anche nel caso francese si creò un “giallo”, infatti la Procura di Parigi smentì l’arresto, affermando che non ne erano a conoscenza ed era strano, visto che tutto passa da loro. Vuoi vedere che questo tizio porta sfiga? Comunque, torniamo in Costa Azzurra. Che ci faceva Ablyazov? Niente di particolare, stava solo cornificando la moglie, fregandosene altamente se la donna e la figlia rischiavano la vita nel suo paese (questo dovrebbe forse, far riflettere qualcuno) . Ed stato proprio grazie  a questa sua relazione con la biondona-avvocato, se la polizia francese a messo fine alla sua latitanza..comunque, almeno ha avuto il tempo di divertirsi. Ora, in base a questa vicenda, la teoria secondo la quale il “rapimento” della moglie è avvenuto per usarla come arma di ricatto nei confronti del marito, cade. E cade di brutto. Visto che lui se la spassava in compagnia della biondona. Grullini, dopo questa vicenda vi è forse passato per l’anticamera del cervello il pensiero che,

 sia stato proprio il marito, a volere che la moglie fosse rispedita in Kazakistan? Per poter godersi tranquillamente, senza sorprese impreviste, la biondona? Tanto, un tradimento in più che vuoi che sia..Certo che se fosse vero…ci sarebbe da ridere.. ma non ditelo alla moglie..altrimenti, “vi sputa un faccia e vi caccia” (cit. Alex Aldrovandi).

Annunci