giorno 98 – tempi supplementari per lo psicodramma

Niente, ci ho tentato, ma ancora una volta mi tocca parlare dello psicodramma…

Mentre i media parlano di un cambio di posizione di Grillo che non evorrebbe più espellere (la mozione Pinna pare ritirata, Currò ha ricevuto, come tutti i dissidenti, telefonata dal capo), Fucksia e Grande si preparano il nodo scorsoio con le loro mani, rilasciando dichiarazioni che fino a ieri (e forse da domani, il mondo grillino è più umorale di un’adolescente in preda agli sbalzi ormonali) avrebbero provocato una fatwa con scomunica immediata.

Marta Grande, venduta come (falso) il più giovane parlamentare della Legislatura, laureata negli Usa ed in Cina, con titoli non riconosciuti per colpa di Shenghen (sic.), candidata m5s alla presidenza della Camera (di sicuro avrebbe fatto meglio della Boldrini… [sarcasmo OFF]

Ha detto che la colpa del fallimento alle amministrative è di Grillo.
E infatti lui ha reagito in una maniera comprensibile. Ha chiesto dal blog: davvero il problema sono io? Posso capirlo: il suo era un normale tono riflessivo, interlocutorio…poteva finire lì.
Invece poi che è successo?
Poi ha scritto quella cosa: “Uno non vale niente”. Ma come si permette? È una che sta lavorando! È qui, tutti i giorni, come noi… come fa a dire che non vale niente?

fonte

Lo riporta Giornalettismo citando il cartaceo del Fatto Quotidiano.

 

Serenella Fucksia (quella che voleva abolire la legge sull’aborto, e che in giunta Provvisoria si è dimenticata di sollevare la questione dell’incandidabilità di Berlusconi) ci va ancora più dura: dalle 11 alle 17 (l’orario del televoto) La gente lavora, a quell’ora ci sono solo i fanatici del web. Contestazione diretta non solo a Grillo, ma addirittura al popolo del web, che nel frattempo decideva le sorti politiche della Gambaro. Se aggiungiamo poi che lei era una di quelli pronti a dimettersi dal gruppo se la collega fosse stata cacciata, si comprende che la questione è lungi dall’essere dipanata.

 

Ma la palma di legno non va a loro, è successo ben di peggio:

TzeTze (credits Casaleggio e associati) annuncia:

Adele Gambaro, la senatrice del Movimento 5 Stelle che ieri la Rete ha espulso dallo stesso Movimento dopo le parole contro Beppe Grillo, ha reagito così all’espulsione, rilasciando un’intervista a Repubblica.

 

Ecco alcuni stralci dell’intervista:

“E’ accaduto tutto molto in fretta, in una settimana. Non ho ancora capito perché sia prevalsa la linea della censura per una critica garbata che non aveva alcun intento divisivo”, ha commentato la senatrice dopo il responso arrivato dalla rete.

“Spero almeno che la mia espulsione sia servita a trovare strade più conciliative con i dissidenti”

Si noti il passaggio “rilasciando un’intervista a Repubblica”.

In un anelito di giornalismo investigativo il criceto va sulla pagina di Repubblica  ed in effetti le dichiarazioni ci sono, ma l’articolo riporta dichiarazioni rilasciate a radio radicale, quindi Tze Tze /credits Casaleggio e Associati), nel dire che si tratta di un’intervista rilasciata a Repubblica dice una falsità, disinformazione in malafede.

Ma, al solito, il grillino non ne tiene conto, ed il tenore dei commenti non lascia adito alla fantasia, con il solito clichet di “senza Grillo non saresti nessuna”, “contenta ora, venduta” ed altri insulti che nemmeno il proverbiale carrettiere.

Distruzione completata? Manco per sogno: sempre tze tze (credits casaleggio e associati) fiuta l’occasione per buttare l’ennesima accusa a Repubblica:

Vi avevamo dato conto qui di un’intervista che Adele Gambaro, la senatrice grillina espulsa dal Movimento 5 Stelle, aveva rilasciato a Repubblica. Ma una clamorosa smentita è arrivata poco fa:

A seguire uno screenshot dalla pagina facebook privata della Senatrice ex grillina, poi spiegato:

La stessa Gambaro su Facebook ha sbugiardato Repubblica con questo post:
L’intervista apparsa oggi su “La Repubblica” che mi riguarda non è mai stata rilasciata. E’ totalmente inventata.

Ed effettivamente la dichiarazione c’è, solo che (se avete cliccato i link precedenti lo avete già scoperto da soli) solo tze tze (credits casaleggio e associati) parla di intervista rilasciata a Repubblica, in realtà sono dichiarazioni di seconda mano ed è stata addirittura citata la fonte.

E non se n’è accorta nemmeno l’interessata… [malignamente: Beh, vero, è stata espulsa in un anelito di onestà intellettuale, ma non scordiamoci che è grillina dentro].

I commenti vorrebbero (quelli gentili) una querela per Repubblica, e -potere di wikipedia- è un continuo citare gli articoli del codice riguardo la diffmazione a mezzo stampa.

Il capolavoro (vince1980)

lungi da me difendere la setta dei grillini, ma il pd espelle suoi rappresentanti a livello locale quasi settimanalmente. quanto a repubblica,non me la prenderei con ezio mauro la cui faccia da codardo parla da sola, ma con l’editore ebreo-svizzero-fallito in ogni campo, membro del Bilderberg che secondo il magistrato Imposimato “è coinvolto nelle stragi eccellenti”, nonchè uno dei fondatori della lobby che ha dettato le misure di austerità alla commissione europea, che a sua volta le ha dettate pari pari alla fornero, tra cui l’innalzamento dell’età pensionabile, la distruzione delle leggi sul lavoro eccetera. Ed è lo stesso giornale che ha raccontato per anni a un intero popolo di disprezzabili scemi, quali sono gli elettori di sinistra, che il problema della democrazia è berlusconi

 

 

Annunci